Renato Spagnoli

 

home

l’artista

La biografia >

Le immagini

Le opere

in mostrA

personali

collettive

collezioni

interventi critici

presentazioni

articoli

interviste

indice dei critici

 

il Gruppo Atoma

 

Links

 

 

Acquasanta Terme 1971

Foto Alfredo Libero Ferretti

 

LA BIOGRAFIA

(sintesi; versione integrale nel catalogo dell’antologica presso l’Ecomuseo di Castellina M.ma)

 

1928

Nasco a Livorno il 28 dicembre da Spagno e Natalina Ceccarini, in via Garibaldi, ora studio fotografico FotoArte.

 

1940

inizio le scuole d'avviamento. Scarsi risultati. In disegno geometrico ed "ornato" prendo quasi sempre dieci. Ogni fine anno i miei lavori vengono selezionati per essere esposti.

 

1943

il 28 maggio alle 11 Livorno viene devastata dalle bombe americane. L'indomani partiamo per Marciana di Cascina.

 

1944

Ottobre. Rientriamo a Livorno in una nuova casa. L'altra è stata distrutta dalle bombe il 28 giugno 1943. A fine anno entro a lavorare con gli americani in cava a Montenero (sotto il monumento a Ciano)

 

1946

Entro con una ditta al Deposito Locomotive a pulire locomotive e altri lavori di facchinaggio ed operai che durano, in impianti diversi, fino a tutto il '56.

 

1948

Mi iscrivo al PCI ed inizio ad organizzare nel rione Stazione le cellule di strada e la diffusione della stampa, feste dell'Unità e serate danzanti.

 

1956

Inizio ad uscire con degli amici pittori, a disegnare "dal vero" (Pogni, Benedetti, Socci, Fabbri ed altri): è tutto un gioco che durerà diversi anni.

Vinco un concorso per verniciatore alle Ferrovie dello Stato e la vita cambia davvero.

 

1960

Ultimi mesi di lavori figurativi.

Scoperta di scrittori: Henry Miller, Jack Kerouac, i poeti americani moderni ed altri. Il jazz.

Ottobre: con Bartoli alla Biennale di Venezia che mi cambia la vita. Non immaginavo un'Arte così.

 

1961

Passo tutto l'inverno a scaricare su carta gesti di colore, forme astratte, dripping.

 

1963

Partecipo al Premio Arezzo. Sul finire dell'anno, dopo numerosi contatti tra artisti livornesi e molte discussioni, Bartoli riesce a fondare un gruppo con Lacquaniti, Graziani ed il sottoscritto. Sarà chiamato "Atoma"

 

1964

Mostra alla Galleria Numero e presentazione del primo manifesto di poetica.

Conosciamo i critici G. Gatt, C. Maltese, G. Montana e a Firenze Lara-Vinca Masini e Umbro Apollonio.

Siamo invitati al XV Premio Avezzano.

 

1965

Il GruppoAtoma viene invitato al X Premio Termoli. Verso la metà dell'anno Graziani esce dal Gruppo.

 

1966

Collage con più lettere dell'alfabeto. Invitati al XII Premio Avezzano.

Dopo la mostra da Giraldi il Gruppo Atoma si scioglie.

 

1967

Mi procuro l'attrezzatura per stampare serigrafie.

Fabrizio Giraldi inizia ad interessarsi al mio lavoro. Frequento la Galleria Sincron di Brescia dove conosco Bruno Munari. Partecipo con la Galleria a collettive con i più importanti artisti italiani.

Il Gruppo Atoma partecipa alla costituzione del Museo d'Arte Sperimentale di Torino.

 

1968

Adopero adesivo su metacrilato ed inizio anche a stampare serigrafia su metacrilato.

Munari mi seleziona con altri artisti per una mostra di multipli che farà il giro del mondo.

 

1969

Partecipo alla costituzione, a Firenze, del centro Technè.

 

1970

Inizio ad organizzarmi mostre personali ed a contattare critici nuovi. Mostre personali e collettive in diverse gallerie.

 

1971-72

Stringo una buona amicizia con Roberto Peccolo, con ottima collaborazione.

 

1974

Mario Guidotti mi presenta alla Galleria Qui Arte Contemporanea di Roma.

 

1976

Mostra personale a Qui Arte Contemporanea, Roma. Segnalato Bolaffi da Lorenza Trucchi. Expoarte, Bari.

 

1977-78

Piccolo stacco di lavoro. Abbandono i lavori col metacrilato. Lavori su carta e cartoncino, lavori con A spezzate su più tele, primi lavori ad immagine virtuale (anamorfosi)

 

1981

Due mostre importanti: Selezione di opere, Pinacoteca di Macerata. Le ultime novità, Palazzo dei Diamanti, Ferrara. Luciano Caramel ed Elverio Maurizi presentano in catalogo.

 

1985

Arte Italiana degli anni '60, Castello di Rivoli, Torino

 

1988

"il grande bianco" cm 218x108; 3-7

 

1989

Personale alla Galleria Arte Oggi, Livorno con presentazione del volume edito da Roberto Peccolo con scritti di Fulvio Abbate, G.M.Accame, Luciano Caramel; interviene Fulvio Abbate.

 

1990

Asilo Notturno, Livorno: mostra del Gruppo Atoma, voluta e presentata da Bruno Sullo.

Mostra alla Galleria Arte Centro, Milano, dove viene presentato il volume edito da Roberto Peccolo. Intervengono Luciano Caramel e Alberto Veca.

 

1991

Giorgio Di Genova mi inserisce nella sua "Storia dell'Arte Italiana, Generazione Anni Venti", Edizioni Bora, con cinque riproduzioni.

 

1994

Fine anno, mostra personale alla Casa della Cultura, organizzata dal Comune di Livorno. Scritti di Lara Vinca Masini e Bruno Sullo..

 

1996

Lara Vinca Masini mi inserisce nella sua "Arte Italiana. La Linea del Modello", Giunti Editore, con otto riproduzioni.

 

1999

Mostra personale, riassunto dei momenti più significativi del mio lavoro, alla Galleria Giraldi.

 

2000

Il collezionista Carlo Pepi si interessa al mio lavoro e a quello del Gruppo Atoma. Organizzerà varie mostre sulle avanguardie livornesi negli anni successivi.

 

 

 

home

 

 

g